SIGNORINA GIULIA  

di August Strindberg  - regia Gianni Leonetti
- Teatro La Scaletta - con Giampaolo Innocentini, Elena Ursitti, Maria Cristina Fioretti, Luisa Mazzetti
- Teatro Argot -  con Ursula Von Baechler, Lorenzo Gioielli, Cristina Giachero
- Teatro XX° Secolo - 1995 - con Giusy  Zaccagnini, Giampaolo Innocentini, Valentina Carnelutti
- Teatro Agorà - 2010 - con il patrocinio della Regione Lazio Tourneé nei Comuni del Lazio -  con Valeria Pistillo, Marco Benvenuto, Maria Concetta Liotta

Marco Benvenuto, Valeria Pistillo

Valeria Pistillo, Marco Benvenuto

Maria Concetta Liotta

Giampaolo Innocentini, Elena Ursitti

Valeria Pistillo

Marco Benvenuto, Valeria Pistillo

Marco Benvenuto, Valeria Pistillo

Marco Benvenuto, Valeria Pistillo

Vincenzo Gioielli, Ursula Von Baechler

Valeria Pistillo, Marco Benvenuto

Lorenzo Gioielli, Ursula Von Baechler

Giusy Zaccagnini

Ursula Von Baechler


Corriere della sera:
"... La regia ha puntato la sua attenzione interpretativa non tanto sullo svolgimento della trama quanto sull'esasperazione dei sentimenti in gioco"

Momento sera:
"...Nella messa in scena si percepisce il desiderio... di coinvolgere l'emotività d'ognuno, lavorando sull'attore... sul movimento, sull'espressività...

Corriere sera:

“…l’impostazione di Mastelli e Leonetti, pulita e chiara nella realizzazione è centrata sul rapporto tra i sessi, evidenziato non come un incontro ma come uno scontro per la conquista del potere; in esso desiderio ed ambizione, odio e disprezzo sono le armi per l’altrui sopraffazione…”


La Repubblica:

“…la regia utilizza …la freddezza del personaggio socialmente più debole…questa sottile sostanziale supremazia dell’umile in ascesa che non ha nulla da perdere intorno al quale ruota la messa in scena…il duello tra Jean e Julie si vale anche dell’espressività ottocentesca avida e vulnerabile di Giampaolo Innocentini e Elena Ursitti…”


Contesti.eu:

“…Con la regia di Gianni Leonetti, Signorina Giulia di Strindberg diventa uno spettacolo voluttuoso… i personaggi appaiono incisivi, forti, voluttuosi e mai perduti dentro il ritmo delle loro battute. Valeria Pistillo regala alla signorina Giulia un corpo sinuoso dove i fianchi e le gambe rappresentano il fulcro del desiderio. Marco Benvenuto sottolinea con la sua recitazione l’aspetto più pratico e meno romantico, Cristina è ben interpretata da Concetta Liotta.”


Italia Sera:

“…LA SIGNORINA GIULIA “riletta” da Leonetti, regista sempre attento a disegnare i caratteri dei personaggi sin nelle più oscure sfumature, suggerisce a Valeria Pistillo di mettere in evidenza la propria avvenenza di giocare con movimenti sensuali mettendo a nudo gli istinti... vigoroso e vigile il carattere definito da Marco Benvenuto, particolarmente trasparente e credibile nel ruolo di Cristina è Concetta Liotta. Linee essenziali per la scenografia curata da Daria Battilana.”


Ciociaria Oggi:

“…Leonetti mette in scena l’eroina di Strindberg. Uno spettacolo davvero coinvolgente per quella che è l’opera più celebrata di fine ottocento, tanto da segnare la nascita del teatro contemporaneo.”


Fuoricampo:

“…Una bella messa in scena de la Signorina Giulia, regia di Gianni Leonetti, drammaturgia di Franco Mastelli…. Ottima interpretazione di Valeria Pistillo, Marco Benvenuto e Concetta Liotta. ”